Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 15 maggio 2018 alle ore 12:36.
L'ultima modifica è del 15 maggio 2018 alle ore 14:31.

15/05/2018

In tema di appalti, dove l’organizzazione di mezzi e servizi grava, a proprio rischio, sull’appaltatore, il committente non riveste automaticamente un ruolo di garanza e controllo diretto sulle attività commissionate, in particolare sulla gestione dei rifiuti prodotti, salva una dimostrata ingerenza nell’esecuzione dell’opera, rivestendo solo la ditta incaricata la qualifica di produttore dei rifiuti, responsabile personalmente per gli eventuali reati ambientali in materia di abbandono o deposito di rifiuti.
La sentenza
Così la Corte di Cassazione, sezione III Penale, con la sentenza 4 maggio 2018, n. 19152, ha annullato il precedente impugnato e prosciolto definitivamente da tutte le accuse il legale rappresentante di una ditta, quale committente di un appalto di opere di bonifica di...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.