Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 dicembre 2018 alle ore 17:16.
L'ultima modifica è del 12 dicembre 2018 alle ore 18:15.

12/12/2018


Vivere in una mansarda ha senza dubbio grande fascino. Rendere abitabile un sottotetto, però, comporta una serie di interventi sia per ottenere gli standard richiesti dalle normative per l'abitabilità sia per raggiungere un buon livello di comfort.
Dagli esperti di Habitissimo - l'impresa web leader in Spagna, Brasile ed America Latina che si occupa di mettere in contatto offerta e domanda per il settore dell'edilizia, le ristrutturazioni e i servizi per la casa – una piccola guida con idee e informazioni sulla normativa per trasformare una soffitta in uno splendido appartamento.
Gli obiettivi principali da raggiungere, per vivere una mansarda, sono quelli di ottenere una superficie abitabile, la giusta luminosità, un buon isolamento termico e un adeguato ricambio d'aria, a seconda dei casi specifici. Un determinato sottotetto infatti potrebbe aver bisogno di ricostruire il tetto, sostituire finestre o lucernari, realizzare delle nuove scale interne, un sistema di isolamento o ancora arredi su misura.
In ogni caso il primissimo passo resta essere a conoscenza della normativa vigente. Affinché sia tutto in regola occorrerà attenersi alle disposizioni locali, quindi al regolamento edilizio regionale o comunale, elaborati in base al contesto. In determinate zone d'Italia sono per esempio consentite altezze minori rispetto ad altre, a causa di particolari condizioni geografiche e climatiche. In particolare vanno valutate l'altezza minima, l'altezza media e la presenza dei cosiddetti rapporti aero illuminanti, ovvero la corretta proporzione tra la superficie finestrata e la superficie del pavimento.
Per eseguire il recupero di un sottotetto sono necessari titoli abilitativi edilizi. Va presentata la SCIA quando si effettua un intervento di restauro e di risanamento conservativo riguardante le parti strutturali dell'edificio. Si utilizza invece la SCIA alternativa al permesso di costruire se si eseguono modifiche importanti come cambi di volumetria, modifiche nei prospetti, cambio di destinazione d'uso. Si usa la CILA, invece, se si eseguono soltanto modifiche alla distribuzione interna dei locali.
Per la realizzazione di nuove finestre sul tetto sarà necessario chiedere all'ufficio tecnico del comune di competenza il permesso di costruire (PdC) o la SCIA, se invece si devono sostituire quelle esistenti con altre con un maggiore livello di isolamento allora non occorrerà chiedere alcun permesso trattandosi di un'attività in edilizia libera. Va presentata la CILA nel caso in cui si modificano le dimensioni di un serramento.
Naturalmente se il sottotetto fa parte di uno condominio andrà discussa l'approvazione in assemblea.

Ma come si può valorizzare al massimo un sottotetto? Ecco 5 idee utili
Una cucina incastrata alla perfezione - La chiave per la riuscita di un intervento su uno spazio così particolare come il sottotetto è sfruttare ogni centimetro. La realizzazione di arredi su misura concepiti appositamente per un determinato ambiente risolve molti problemi. Per una cucina posta in una zona con falda inclinata non è necessario eliminare completamente i pensili, ma si possono trovare delle soluzioni che si allineano alla pendenza del tetto.
Armadi su misura - Gli armadi sono un elemento indispensabile in ogni abitazione, ma quando si arreda un sottotetto si possono avere difficoltà a trovare quelli giusti. Per questo bisogna trovare delle soluzioni su misura che mantengano l'armonia dell'ambiente.
Un soppalco - Se il sottotetto ha uno sviluppo in altezza tale da consentire la realizzazione di due livelli una soluzione a cui ricorrere è la costruzione di un soppalco. Questa opera aiuta molto nella distribuzione dello spazio e permette di sfruttarlo meglio, ottenendo una superficie calpestabile aggiuntiva e una maggiore diversificazione tra zone con un livello di privacy maggiore e altre invece più aperte.
Un bagno agevole - Realizzare un bagno in un sottotetto, con i vari cambi di quota, è un'impresa parecchio complessa. La distribuzione va organizzata quindi pensando non solo alla superfiicie ma anche alle altezze. Sarà fondamentale avere lo spazio sufficiente per muoversi comodamente mentre i vari elementi possono essere distribuiti anche nelle parti con quota minore purché l'utilizzo sia agevole.
Un piccolo terrazzo - Quando si interviene sul sottotetto si possono realizzare diverse tipologie di ambienti come per esempio un terrazzo che, con un pò di creatività, può diventarel'angolo più bello della propria casa, dove la privacy non è messa a rischio.