Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 05 dicembre 2019 alle ore 11:33.
L'ultima modifica è del 05 dicembre 2019 alle ore 12:33.

05/12/2019


Entreranno in vigore in Lombardia, il prossimo 14 dicembre, le nuove norme sulla rigenerazione urbana. E' stata infatti pubblicata sul B.U. 48/2019 la nuova L.R. 18 del 26 novembre 2019 recante "Misure di semplificazione e incentivazione per la rigenerazione urbana e territoriale nonché per il recupero del patrimonio edilizio esistente. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 dell'11 marzo 2005 e al altre leggi regionali", che introduce significativi interventi sulla legislazione regionale in materia edilizia e che ha come obiettivo principale la riduzione del consumo di suolo.
La legge individua misure di incentivazione come riduzione di oneri o bonus volumetrici, per rendere più convenienti i progetti di rigenerazione urbana e di recupero del patrimonio edilizio esistente e degradato; introduce semplificazioni procedurali per rendere più veloci i processi (procedura speditiva per individuare gli ambiti di rigenerazione, per recuperare immobili dismessi, per i cambi d'uso, normativa sugli usi temporanei); riallineandosi alla normativa edilizia statale con deroghe alle norme edilizie (distanze, altezze) punta a facilitare gli interventi di rigenerazione urbana e recupero del costruito e introduce primialità nei finanziamenti regionali per gli interventi. Sono infine stati previsti l'istituzione di un fondo per finanziare interventi di rigenerazione, studi di fattibilità e strumenti finanziari innovativi per il partenariato pubblico privato.
Recuperare l'esistente quindi sarà più conveniente rispetto al costruire ex novo, grazie agli incentivi e dalle misure ad hoc sono stati inseriti nella nuova normativa: la riduzione del 60% degli oneri di urbanizzazione, il taglio alle pastoie burocratiche e i bonus volumetrici fino al 20% a seconda della qualità e della natura degli interventi.