Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 04 febbraio 2020 alle ore 12:59.
L'ultima modifica è del 04 febbraio 2020 alle ore 13:57.

04/02/2020

Il più delle volte l'ordine di demolizione emesso dall'amministrazione comunale è basato su sopralluoghi e misure in loco in quanto le verifiche sono innescate da denunce dei “cari vicini”. Può capitare, però, che il Comune basi l'ordinanza di demolizione e rimessione in pristino solo sul confronto dei dati risultanti dalle mappe catastali. Queste ultime, come sappiamo, non sono sempre aggiornate per cui c'è il rischio di incorrere in spiacevoli errori. L'ordinanza di demolizione di opere asseritamente abusive non può fondarsi solo su accertamenti catastali che hanno solo un valore sussidiario. L'amministrazione è tenuta ad effettuare le necessarie verifiche non solo mediante sopralluogo, ma anche consultando i rilievi aerofotogrammetrici.

L'ordinanza del Comune
Il Comune...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.