Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 15 dicembre 2017 alle ore 17:16.
L'ultima modifica è del 18 dicembre 2017 alle ore 12:44.

15/12/2017

Il vincitore della VI edizione del Premio Europeo di Architettura Baffa-Rivolta (già Premio Rivolta), dedicato al Social Housing e indetto ogni due anni dall'Ordine degli Architetti di Milano, è lo studio Duplex Architekten con il progetto di un edificio residenziale Cluster House (‘Haus A') a Zurigo Lo studio ha anche firmato il masterplan di tutto il quartiere, Hunziker Area, realizzando poi 2 residenze, con l'intento di "creare una parte della città piuttosto che degli edifici". Il progetto vale allo studio Duplex Architekten il premio di euro 10.000 e la nomina in giuria per la prossima edizione.

Il progetto in pillole
Haus A
Gross Floor Area (GFA): 6.883 mq
Usable floor space: 4.352 mq (3.973 mq living – 415 mq commerciali).
6 piani
Appartamenti: 11 ‘Cluster Flats' (ca. 400 mq/ap, 10-12 persone/ap).

Gli appartamenti-cluster della Haus A sono un nuovo modello di condivisione comunitaria residenziale con un'ampia area comune (zone giorno e cucina) e la suddivisione delle zone notte, ognuna con un proprio bagno.
Gli appartamenti, che non prevedono zone living né cucina (se non una ‘kitchenette' per i bisogni più immediati), sono piccoli e disposti come satelliti nella porzione di piano (400 mq ca), e ospitano tra le 10 e le 12 persone. Aree living e cucine, disposti liberamente sul piano, hanno dimensioni generose. Ogni piano dispone anche di una lavanderia comune. Le unità abitative prevedono altresì la residenza di persone anziane e disabili, con accorgimenti peculiari.
Una particolare attenzione è stata data al tema del contenimento del consumo energetico dell'edificio.

Il commento della giuria
"Haus A di Duplex Arkitekten è proclamato vincitore per la sperimentazione tipologica e la convincente articolazione spaziale e architettonica del masterplan. La ricerca nella pianta del piano terra è notevole e spicca rispetto agli altri progetti pervenuti. La combinazione di piccole unità private ma indipendenti e di grandi spazi collettivi introduce nuove figure tipologiche che possono soddisfare le più disparate esigenze della società contemporanea. Il parallelismo tra il masterplan urbano e la pianta del piano terra è sorprendente nel mondo in cui gli spazi condivisi e privati sono tenuti assieme. L'articolazione degli spazi interni privati e collettivi è sobria in facciata, e ha un forte carattere domestico, adattandosi al denso contesto urbano".

Le menzioni speciali
Alla VI edizione del Premio, punto di riferimento del dibattito sul social housing a livello internazionale, hanno partecipato 20 progetti (5 dall'Austria, 2 dalla Danimarca, 2 dalla Francia, 1 dalla Germania, 4 dall'Italia, 1 dal Lussemburgo, 3 dal Portogallo, 2 dalla Svizzera), 13 dei quali sono passati alla seconda e ultima fase.
Menzioni speciali da parte dei giurati per i progetti:
MAGISTERPARKEN, di C.F. MOLLER ARCHITECTS (Danimarca) per la ricerca e l'innovazione tecnica e costruttiva ("Il progetto da una risposta convincente all'urgente esigenza di migliorare la qualità degli edifici post-bellici in disuso");
LIVE-WORK COMPLEX KALKBREITE, di MULLER SIGRIST ARCHITEKTEN AG (Svizzera) per la sperimentazione tipologica "dell'estremo mix di differenti figure residenziali, servizi pubblici e infrastrutture, per la modalità molto ispirante con cui il progetto si rapporta con la complessità del sito";
LIVING TOGETHER, di FROETSCHER LICHTENWAGNER (Austria), per lo sviluppo di un programma sociale molto marcato ("il progetto integra in modo convincente gli spazi pubblici, collettivi e privati. È aperto nei confronti del contesto e dei suoi abitanti, con mezzi discreti e sobri").

I vincitori delle sei edizioni
Complessivamente, alle 6 edizioni del Premio hanno partecipato 250 progetti da 19 Paesi.
Di seguito i vincitori:
2017 Duplex Architekten, Svizzera
2015 H Arquitectes+DataAE, Spagna
2013 Atelier Kempe Thill, Olanda
2011 Zanderroth Architekten, Germania
2009 Kis Péter Épìtészmuterme, Ungheria
2007 Guillermo Vàsquez Consuegra, Spagna