Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 06 aprile 2018 alle ore 11:02.
L'ultima modifica è del 06 aprile 2018 alle ore 13:02.

06/04/2018


Torna a metà maggio "Open, Studi aperti", iniziativa organizzata dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e dagli Ordini territoriali che vedrà coinvolti centinaia di studi di tutta Italia, da quelli delle archistar a quelli dei giovani emergenti, che apriranno le porte ai cittadini.
Far conoscere al pubblico, e non solo agli addetti ai lavori, il mondo dell'architettura è infatti una degli obiettivi dela manifestazione, alla sua seconda edizione, che si svolgerà il 18 e il 19 maggio prossimi.
Verranno organizzati eventi, performance, dibattiti e presentazioni - un vera e propria manifestazione di architettura diffusa sul territorio italiano - per avvicinare il cittadino all'architetto (pianificatore, paesaggista e conservatore) e farne conoscere l'importanza quale figura fondamentale della vita quotidiana del singolo e delle comunità, come operatore di tutela e di valorizzazione del paesaggio, dei territori, del patrimonio artistico e culturale.
Nell'edizione 2017 di "Open Studi Aperti" oltre 30 mila persone hanno visitato 650 studi di architettura di 85 Province italiane. Circostanza di particolare rilievo dell'iniziativa è stata anche quella di vedere coinvolti insieme professionalità diverse, grandi e piccoli studi, architetti di fama mondiale e giovani professionisti che iniziano la loro carriera, uniti in una grande azione di testimonianza della funzione sociale dell'architettura.
Le visite, gli incontri, le conferenze e le mostre che hanno caratterizzato questa celebrazione dell'architettura italiana hanno permesso ai cittadini, in tutta Italia, di toccare con mano come nasce un progetto, quali competenze vengono attivate, come avvengono le trasformazioni di spazi e di territori.
Dopo "Open Studi Aperti", un importante appuntamento attende gli architetti italiani. Si terrà, infatti, a Roma dal 5 al 7 luglio prossimi - presso l'Auditorium Parco della Musica - l'VIII Congresso Nazionale che, a dieci anni dall'ultimo tenutosi a Palermo, intende offrire un significativo contributo al dibattito sul futuro dell'abitare, delle città e dei territori, proponendo un nuovo paradigma della qualità della vita urbana, ripensandone il modello.