Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 22 ottobre 2020 alle ore 14:50.
L'ultima modifica è del 22 ottobre 2020 alle ore 16:49.

22/10/2020


ENEA presenta un brevetto per realizzare edifici ex novo "a danno zero" e per ricostruire in sicurezza i centri storici, sviluppato in collaborazione con Tekva, azienda toscana che opera in Italia e all'estero nel mercato delle opere civili.
Si tratta di una piattaforma in cemento armato, alleggerita mediante tubi in vetroresina, che consente di abbattere fino all'80% gli effetti delle scosse sismiche sugli edifici, con tempi di costruzione ridotti e a costi competitivi, rispettando l'assetto urbanistico e architettonico dei centri urbani preesistenti. Oltre al vantaggio dell'isolamento sismico, il sistema offre la possibilità di utilizzare i tubi per il passaggio dei servizi (acquedotto, fognature, gas, impianti elettrico e telefonico, teleriscaldamento) rendendone semplici ed economiche l'installazione, l'ispezione e la manutenzione.
"Il sistema brevettato da ENEA e Tekva consente a tecnici e amministratori locali di prendere in considerazione la possibilità di ricostruire "come era" e, laddove possibile, "dove era" e per questo può essere una soluzione efficace per la ricostruzione di centri storici al fine di conservarne la memoria storica come, per esempio, nei casi dei comuni di Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto", spiega Paolo Clemente, dirigente di ricerca dell'ENEA. "Sul basamento, di superficie anche molto grande, si possono riprodurre gli edifici preesistenti di qualsiasi tipologia e materiali e anche aggregati edilizi complessi di forma irregolare".

Come funziona la piattaforma
A livello operativo, dopo l'esecuzione dello scavo nell'area d'interesse, si realizza un basamento di cemento armato, alleggerito con tubi in vetroresina o altro materiale. All'interno del basamento, tra la parte inferiore poggiata sul terreno e quella superiore, che sosterrà le costruzioni, vengono inseriti i dispositivi di isolamento sismico al fine di ‘disaccoppiare' il moto dell'edificio da quello del terreno. Completano l'opera pareti perimetrali connesse alle parti inferiori dei tubi e altre pareti connesse alle parti superiori ed eventuali ulteriori dispositivi di dissipazione.