Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 17 gennaio 2019 alle ore 10:46.
L'ultima modifica è del 17 gennaio 2019 alle ore 11:46.

17/1/2019


Visto le numerose richieste di chiarimento giunte alla Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari riguardanti gli usi e le consuetudini, diffusi in diverse aree del territorio nazionale in questo specifico periodo dell'anno, di procedere alla macellazione domiciliare di suini provenienti da allevamenti da ingrasso, il ministero della Salute ha emanato nuove disposizioni per la semplificazione delle procedure relative a tale consuetudine senza che i requisiti di sicurezza alimentare e tracciabilità vengano meno.

Con la nota 150 del 4 gennaio 2019, Il ministero della Salute ha disposto che nei casi in cui l'animale venga sottoposto in breve tempo a macellazione domiciliare, la tracciabilità dall'allevamento al domicilio sarà garantita solo dalla compilazione del modello 4 in cui si dovranno indicare il codice aziendale, la denominazione e l'indirizzo dell'allevamento di provenienza, il codice identificativo dell'animale, la destinazione dell'animale con nome e codice fiscale del destinatario e l'indirizzo del luogo ove si procederà alla macellazione e la causale: "uscita per macellazione domiciliare per autoconsumo".

L'aggiunta di tali informazioni richiederà di tornare momentaneamente alla compilazione cartacea del modello 4. A breve, ad ulteriore snellimento della procedura, sarà resa disponibile da parte dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Abruzzo e Molise la funzionalità per l'aggiunta di questi dati anche al modello 4 in formato elettronico.

Permane, invece, per ovvii motivi di prevenzione, la necessità di assegnare il codice aziendale a quei detentori che acquisiscono un suino per consumo familiare, ma che lo detengono e lo allevano seppur per brevi periodi.